Pagine

martedì 21 aprile 2009

Oggi è il 21 aprile...festeggiamo insieme, ricordiamo insieme...




Martedì 21 Aprile è l’anniversario della Liberazione di Bologna.


La mattina del 21 aprile il circolo Iqbal Masih e gli operai della Sabiem portano una corona alla Sabiem sulla lapide che ricorda gli operai caduti sotto i bombardamenti.


Sempre il 21 aprile, dalle ore 15.30, presso il Mercatino del Libro, via Zampieri 3/2, “Aperitivo di resistenza” in occasione dell’anniversario della Liberazione di Bologna. Tutti insieme per ricordare. Tutti insieme per festeggiare. Ora come allora antifascisti. Crescenta, vinello, salamein e furmaj, brazadela e bella ciao.


La sera del 21 Aprile, al c.s. TPO di Bologna, via Casarini 17/5, vi sarà la presentazione del libro Bande nere: “Sui misfatti dei fascisti del terzo millennio”, con l’autore Paolo Berizzi, il presidente dell’Istituto storico Parri Luca Alessandrini, il presidente del quartiere S. Stefano Andrea Forlani.


Alle ore 20, nell’ambito della nuova serie di iniziative proposte martedì da Bartleby nel cortile del Rettorato (via Belmeloro 4), vi sarà la presentazione e lettura di brani dal volume Razza partigiana. Storia di Giorgio Marincola di Carlo Costa e Lorenzo Teodonio. Il libro racconta la storia dell’unico partigiano di origine somala decorato alla memoria, della sua vita e delle scelte di un ragazzo che si trovò a vivere in Italia sotto le leggi razziali secondo cui “il meticcio è un essere moralmente e fisicamente inferiore, facile vittima di gravi malattie e incline ai vizi più riprovevoli...”.


Ancora la sera del 21 aprile, alle ore 21, le liste “Bologna Città Libera” e “Terre Libere”, organizzano una “Serata Resistente”. Sarà proiettato un video sulla storica giornata, ci sarà una performance teatrale degli attori Matteo Belli e Katia Petrobelli, ci sarà un concerto dello “Spartito democratico” con repertorio di canzoni partigiane e di lotta. La storica Paola Furlan terrà un intervento sugli avvenimenti che portarono alla liberazione di Bologna dai nazifascisti.


Nessun commento:

Posta un commento